Seleziona una pagina

Oggi vi spieghiamo come scegliere la doccia perfetta per le vostre esigenze, compatibilmente allo spazio e alla conformazione del vostro bagno.

Abbiamo già ribadito in più di un’occasione quanto l’arredamento del bagno non sia meno importante di quello di qualsiasi altro ambiente della vostra casa. Questo non solo perché il bagno è una stanza in cui in un modo o nell’altro si finisce col passare una buona fetta del proprio tempo ogni giorno, ma anche perché è un ambiente deputato al benessere e alla cura di sé forse più di qualsiasi altro. Per questo motivo la scelta dei sanitari e dei complementi d’arredo non sarà dettata solo e unicamente da un fattore di gusto estetico, ma anche da esigenze di praticità e usabilità che variano da persona a persona, da famiglia a famiglia.  

In particolare la scelta della doccia per il proprio bagno è uno dei momenti più importanti e In molti casi critici. Intanto perché la doccia costituirà in un certo senso il fulcro del bagno stesso, essendo l’elemento più grande, e di conseguenza dovrà coordinarsi con tutti gli altri in modo armonico. Ma visto il suo ingombro dovremmo anche valutare la doccia prima di tutto il resto, compatibilmente con lo spazio che abbiamo a disposizione. Dobbiamo insomma considerare quanto grande è il nostro bagno, per scegliere il tipo di doccia che possiamo permetterci di inserire all’interno.  

La doccia è costituita da tre elementi: il piatto, il box, e il soffione. 

Per regolarci riguardo allo spazio di ingombro della doccia in relazione all’ampiezza del bagno il piatto doccia è già sufficiente come elemento, dal momento che il box adeguerà le proprie misure a quest’ultimo. 

Il piatto doccia

Nella maggior parte dei casi i piatto doccia sono quadrati, rettangolari o circolari, Ma è possibile realizzare piatti doccia con forme irregolari, se questo torna utile per l’inserimento all’interno dello spazio consentito dal bagno.  In questo caso dovremmo considerare la scelta del materiale, perché per ottenere un modello di piatto doccia irregolare dovremmo optare per un piatto in acrilico che verrà tagliato Secondo le nostre esigenze. oltre all’acrilico il piatto doccia può essere costituito in ceramica, il materiale più usato, ma anche in resina, acciaio e altri materiali moderni. 

Un’altra caratteristica del piatto doccia da considerare sarà in che modo viene inserito nel pavimento: potrà essere a filo pavimento, ovvero allo stesso livello della pavimentazione; a incasso, leggermente più incavato; oppure ad appoggio, con il bordo più alto rispetto al pavimento e l’interno un po’ riabbassato.  

Il box doccia

Per quanto riguarda il box doccia come abbiamo detto esso segue la forma e le dimensioni del piatto. Lo spazio a disposizione e la conformazione del bagno sono tuttavia importanti anche nella scelta di questo elemento, soprattutto per quanto riguarda il tipo di apertura, che potrà essere a battente, scorrevole o a libro. Apertura a battente richiede un po’ di spazio verso l’esterno, quindi prima di sceglierla dovremmo accertarci che ce ne sia abbastanza per permetterci di entrare e uscire dalla doccia in modo agevole. D’altra parte l’apertura a libro, che richiede uno spazio all’interno della doccia, ridurrà la possibilità di movimento interno, quindi sarà adatta soprattutto per docce abbastanza ampie. 

Per quanto riguarda il materiale di cui è costituito il box doccia, solitamente esso è formato da un telaio in metallo antiossidante, acciaio o alluminio, e pareti che possono essere in plastica, cristallo o tessuto. 

Il soffione

Il soffione infine è l’elemento da cui esce l’acqua. Solitamente è fissato a una struttura in metallo antiossidante ed è dotato di un tubo flessibile che permette di manovrarlo, ma ci sono anche soffioni con struttura fissa, come nelle moderne docce idromassaggioIn commercio si trovano vari tipi di soffioni, con diverse potenze e numero di getti: a pioggia, a cascata o rotanti. Scegliete quello che fa al caso vostro, ricordando che la doccia deve essere per voi prima di tutto un momento di benessere e piacere.